Accedi al sito
Serve aiuto?

Portfolio » Principali progettazioni

COMUNE DI ORBETELLO (GR)
OPERE DI RISTRUTTURAZIONE INTEGRALE, RECUPERO, RESTAURO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL PALAZZO COMUNALE

DESCRIZIONE SINTETICA DELL’INTERVENTO
Lo studio ha eseguito tutte le fasi di progettazione previste dalla normativa partendo da un’accurata ricerca storica presso l’Archivio di Stato di Grosseto, confrontando la consistenza dell’edificio nelle cartografie del catasto leopoldino e del catasto attuale. Scopo del progetto era realizzare una sintesi efficace del recupero di un edificio vincolato ai sensi della Legge 1089, il consolidamento della struttura sgombrata a suo tempo perché pericolante, il riadattamento ad uffici, e al tempo stesso il rispetto del pregio dell’edificio e della normativa realizzando microclimi ambientali e condizioni di lavoro ottimali. Nel progetto è previsto un impianto di condizionamento funzionante a metano mediante pompe di calore ad assorbimento. Il tutto è gestito da un sistema di supervisione “intelligente”.
CENNI STORICI:
Il periodo al quale può essere fatta risalire con buona approssimazione la costruzione del Palazzo Comunale è compreso nei primi due decenni del XIX secolo. A questa conclusione si è giunti attraverso l’esame di cartografie storiche reperite presso l’Archivio di Stato di Grosseto ma anche sulla scorta di valutazioni in merito alle vicende storiche di Orbetello. Il lasso temporale indicato corrisponde alla fine di un lungo isolamento di Orbetello dal resto della costa e dell’entroterra iniziato nel 1557 quando Filippo II, re di Spagna, di Napoli e delle Fiandre, firmava a Bruxelles il cosiddetto “Trattato di Firenze” con il quale concedeva al Duca Cosimo I de’ Medici ed ai suoi discendenti, la città e lo Stato di Siena riservandosi però Porto Ercole, Orbetello, Monte Argentario e Porto Santo Stefano evidentemente conscio dell’importanza strategica che rivestiva questo lembo di territorio. “Nasceva così lo Stato dei Presidi. Uno Stato piccolo per estensione, è vero, ma di grande importanza, specialmente in relazione a quei tempi, per la sua singolare posizione strategica” (L’Argentario - Alfio Cavoli,1988). Lo Stato dei Presidi, con alterne vicende che videro Orbetello al centro di un lungo assedio da parte delle armate francesi, cessò di esistere nell’aprile del 1801 quando Ferdinando IV di Napoli lo mise a disposizione dei francesi affinché lo amministrassero a loro piacimento. Si ritiene proponibile l’ipotesi che tra il 1801 e il 1824 i francesi, spinti dalla pressione dell’enorme apparato burocratico-amministrativo insediato ad Orbetello, abbiano realizzato un edificio che rispondesse alle loro esigenze di governo. La attuale consistenza del Palazzo Comunale è il risultato di una serie di aggiunte, sia in termini di realizzazione di nuove porzioni adiacenti all’edificio preesistente che di acquisizioni di proprietà contermini, succedutesi nel tempo e particolarmente concentrate nel secolo scorso. La consultazione delle tavole catastali conservate all’Archivio di Stato e presso l’Ufficio Tecnico Erariale di Grosseto, ha consentito di elaborare una ipotesi sulla evoluzione della consistenza dell’edificio secondo tre soglie temporali corrispondenti alle datazioni delle cartografie storiche consultate. Le planimetrie catastali reperite sono, in ordine di tempo, l’ultimo documento che ci fornisce informazioni ufficiali sulla distribuzione interna del Palazzo Comunale. Gli interventi effettuati dal 1943 non sono stati così consistenti come i precedenti pur avendo introdotto modifiche tali da produrre un impianto distributivo sostanzialmente differente da quello registrato nelle planimetrie catastali. Infine, alcune opere in cemento armato come una struttura a pilastri e travi inserita nel solaio voltato di copertura dell’attuale centrale termica, rivelano interventi effettuati 20/30 anni or sono, probabilmente in conseguenza della collocazione di un archivio nel locale corrispondente al piano superiore.
Prestazioni svolte: Progetto preliminare, progetto definitivo, progetto esecutivo, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, pratiche genio civile, pratiche presso comando Vigili del Fuoco, soprintendenza ai beni ambientali, pratiche U.S.L., direzione lavori, contabilità, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori, assistenza al collaudo, pratiche per agibilità.
Importo complessivo dei Lavori: € 1.909.533,54

Info Contatti

S.T.I.G. STUDIO TECNICO ASSOCIATO
Via Silvio Pellico, 6
53043 - Chiusi Scalo
Siena - Italia
C.F. / P.Iva: 00867330524
Tel: 0578 22 72 85
Fax: 0578 21 225
info@stigstudiotecnico.it

Social Share